Dopo aver esaminato l’obiettivo di sviluppo sostenibile sotto varie prospettive, ritengo utile soffermarsi sulle modalità con cui questo e gli altri obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs secondo l’acronimo inglese) possono essere raggiunti, e in particolare sul “metodo multilaterale”. Con tale espressione si intende generalmente la collaborazione strutturata tra Stati nel quadro di organizzazioni internazionali da essi create.

L’organizzazione internazionale principe è oggi l’Organizzazione delle Nazioni Unite, cui aderisce la totalità degli Stati esistenti e che riunisce sotto il suo cappello numerose altre organizzazioni e agenzie specializzate per il raggiungimento dei suoi scopi.

La ratio del multilateralismo è la constatazione che la collaborazione strutturata tra Stati è il metodo migliore, e in alcuni casi l’unico, per il raggiungimento di mete ambiziose e su scala planetaria, quali sono quelle indicate dalla carta di San Francisco che nel 1945 diede vita alle Nazioni Unite: la Pace e la sicurezza tra le Nazioni, i diritti umani e lo sviluppo sostenibile.

Per il perseguimento del primo scopo, la Pace e la sicurezza, esistono vari strumenti, in primis le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza e le cosiddette missioni di Pace delle Nazioni Unite, cui l’Italia partecipa attivamente ad esempio in Libano con lo schieramento di un contingente nell’operazione Unifil, al cui comando vi è attualmente un generale italiano.

La collaborazione strutturata tra Stati è il metodo migliore, e in alcuni casi l’unico, per il raggiungimento di mete ambiziose e su scala planetaria

Le Nazioni Unite sono state altresì l’ambito in cui sono nati la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e i vari trattati e convenzioni in materia, i meccanismi di monitoraggio e il Consiglio dei Diritti Umani.

Nella mostra in corso presso la Fondazione della Campana, dedicata ai diritti umani in relazione all’Obiettivo 8, si può prendere visione di quali siano i risvolti concreti e spesso drammatici del mancato rispetto dei diritti inerenti la persona.

Quanto allo sviluppo sostenibile, è in tale ambito che è nata l’Agenda 2030 con i suoi Obiettivi, per il cui raggiungimento operano le stesse Nazioni Unite, con un’opera sia di coordinamento che di azione concreta tramite varie agenzie specializzate.

Sono altresì protagonisti tutti gli Stati, che vi si sono impegnati e che periodicamente danno conto di quanto da loro fatto, senza dimenticare il ruolo delle imprese, della società civile e degli individui, in uno sforzo corale di amplissima portata.

Da sottolineare come gli scopi delle Nazioni Unite siano interconnessi: senza Pace e sicurezza non è possibile godere pienamente dei diritti umani e lo sviluppo non deve trascurare i diritti dei lavoratori o delle persone in generale e deve rispettare i beni comuni quali l’ambiente.

Con il multilateralismo, ovvero con la collaborazione internazionale, è possibile proseguire sulla via tracciata 76 anni fa verso un mondo migliore.

 

Gianluca Alberini, Direttore Centrale per le Nazioni Unite e i diritti umani del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale.