• Fai click sull'immagine per partecipare

Ore 10.30

Mercoledi 11 dicembre è la festa mondiale della montagna voluta dalle Nazioni Unite. Quale giorno migliore più significativo per ricordare il sentiero della pace per il quale da anni, quelli del conflitto mondiale, pensiamo e rovesciamo l’identità belligerante di tutto il Pasubio e di tutta la regione.

Siamo riusciti a pensare in grande il ruolo della nostra Maria Dolens, uscita dai confini della città per essere punto di riferimento di tutto il mondo a proposito della pace e dei diritti umani. Cessato il fragore delle armi e trasformate le trincee in luoghi di convivenza e di solidarietà cosa possiamo dire per i prossimi anni? Cosa possiamo cogliere se non un anelito profondo di libertà, di universalità fino al punto di identificare Maria Dolens con la voce profetica del futuro.

Con la sacralità del silenzio della montagna solo il suono estetico mistico coinvolgente di Maria Dolens può dare all’uomo risposte di vita, di trascendenza e di tensione al bene. Già sul manto della Campana lo scultore Zuech ha evidenziato vita e morte insieme, donne che creano la civiltà e soldati che la guerra uccide senza pietà, per noi passato, presente e futuro sono momenti dell’eterno farsi della storia umana.

E Maria Dolens è lì, visibile al cuore e alla mente a testimoniare la volontà di pace proprio come superamento del mito perverso di Caino alla luce del darsi agli altri. E’ in questo modo che il sentiero della pace diventa difficile e impegnativo strutturando in profondità l’uomo alla ricerca del pensare e agire positivo, il camminare nella pace non è stanco e ripetitivo, ma è la forza viva che costruisce solidi argini all’indifferenza e alla solitudine. Il silenzio della montagna è pertanto per noi risposta vera di umanità che ci interroga interiormente e in continuità sui grandi temi del vivere civile. L’eternità di Maria Dolens si accompagna con il suono alla sacralità silenziosa della montagna.

Iscriviti alla nostra newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Orari e Info

FONDAZIONE OPERA CAMPANA DEI CADUTI

Colle di Miravalle - 38068 Rovereto
Telefono: (0039) 0464.434412 - (0039) 0464.434394
Fax:(0039) 0464.434084
E-mail: info@fondazioneoperacampana.it

Orario di visita continuato tutti i giorni:

Da novembre a febbraio: 9.00 - 16.30
Marzo e ottobre: 9.00 - 18.00
Da aprile a settembre: 9.00 - 19.00
Pasqua e Pasquetta aperto

Apertura serale: dal 16 giugno al 15 settembre per assistere al suono:  21.00-22.00

25 dicembre e 1 gennaio la Campana è chiusa al pubblico. Nei mesi invernali, in caso di condizioni meteo particolarmente avverse, telefonare per verificare l'apertura del museo.

Ultimo biglietto d'entrata mezz'ora prima della chiusura.

La Campana suona ogni giorno:

alle ore 21.30 con ora legale, alle 20.30 con ora solare.
La domenica suona anche alle 12.00

NB: Nel periodo invernale, con temperature prossime allo 0°, la Campana non verrà fatta suonare per evitare che si danneggi.

 

INFORMAZIONI BIGLIETTO:

  • intero: 4,00 euro ( + 18)
  • ridotto: 2,00 euro
    -     6-17 anni   -  invalido + accompagnatore  -  giornalisti
    -     religiosi      -  forze dell’ordine in borghese (con tesserino)
  • Ridotto: 3,00 euro
    -     tariffa a persona per almeno 20 adulti paganti
  • Gratuito:
    -     Forze dell’ordine in divisa  -  Autisti (autobus)
    -     Guide (autobus)             -  Operatori servizio civile
    -     Guest card trentino        -  Museum Pass
    -     Tessera I’mart               -  Insegnanti (2 per classe)
    -     Professional Aritst Card-AIAPI/UNESCO

 

 

MEDIA

Photogallery Videogallery

Progetti

                        

Back to Top